Notizie

Deve essere conosciuto – La Provincia

Anche se il problema che si pone dovette essere risolto nella nostra istituzione, il Royal Yacht Club di Gran Canaria, siamo costretti a ricoprire gli ex dirigenti dell'ultimo periodo del periodo dal 2016 al 2019 per riferire quello che è successo con chi oggi purtroppo dirige le indicazioni del club.

Non ebbe un'idea più felice di tre giorni prima dell'inaugurazione per vantarsi di "iniziare il suo mandato con un controllo finanziario". Non contento, giorni dopo, dice: "stiamo diventando consapevoli della situazione economica, con una situazione che non è così vivace come potremmo pensare e con molte spese che non avevamo previsto". Sembrano non essere abbastanza, ed è la prima volta nei 111 anni di storia, i saldi positivi consegnati sopra 1.600.000 euro avendo raggiunto un recupero di oltre 1.100 membri.

Di fronte alle serie dimostrazioni espresse dal presidente, María del Carmen López, di cui potete immaginare il disagio e l'indignazione che ci ha causato, ho scritto una lettera in nome e per conto dei membri del mio consiglio e per conto mio, facendogli vedere il nostro sentimento In due occasioni e senza fondamento si stava trasmettendo in strada e non ai membri dello Yacht Club, come avrebbe dovuto essere, il suo volgare e rozzo procedere per degradare la nostra immagine e onorare attraverso manifestazioni false e tendenziose.

In quella lettera datata 31 maggio, gli è stato chiesto di pubblicare sui club board la nostra denuncia per conoscenza generale, di inviare via email ai membri la scrittura e di pubblicarla sul sito web dell'entità insieme al Audit ha detto che ha fatto, e, naturalmente, che avrebbe rettificato le dichiarazioni diffamatorie.

Capiranno che fatti come questi non dovrebbero essere ammessi e che come dirigenti eravamo del Real Club Nautico de Gran Canaria e come persone non accetteremo mai. Quello del detto che "diffama che qualcosa è lasciato" a nessuno di noi o ci strofina.

Il presidente aveva partecipato all'Assemblea generale dove i conti erano presentati, tra l'altro, perfettamente controllati e spiegati punto per punto dal revisore. Aveva dichiarato, come riportato nella documentazione, che non c'era alcuna qualifica da fare e che era assolutamente pulito. L'attuale presidente, un socio all'epoca, ha avuto l'opportunità di chiedere, interrogare e rifiutare qualsiasi capitolo o titolo dell'esercizio 2018, eppure non l'ha fatto. L'assemblea generale per la liquidazione dell'esercizio 2018 è stata approvata da oltre 130 voti a favore, nessuno contrario e 11 astensioni – quelli della sua squadra. Per quanto riguarda le astensioni e non ci sono voti contrari a queste astensioni, si aggiungono a quelli di approvazione unanimi.

Le loro azioni e il desiderio di preminenza hanno portato a una mancanza di rispetto. In primo luogo, al Club Nautico suggerendo che in questa e nella Riunione Generale i conti controllati che potrebbero essere intesi come falsi, con la loro presenza in quella riunione, sono stati approvati. Secondo, la mancanza di rispetto per l'auditor, una persona di prestigio personale e professionale che non lascia il suo stupore. In terzo luogo, agli oltre 130 partner che hanno approvato i conti. E in quarto luogo, al Consiglio di amministrazione che mi ha onorato nel raggiungere i risultati mostrati e approvati.

I risultati che la signora López ora proclama con gran clamore e foto nei media del club e nella stampa locale sono il risultato del precedente Consiglio di amministrazione. Si deve sapere che quando si tiene un campionato nazionale o internazionale, le procedure per la concessione da parte della Federazione Vela spagnola devono essere fatte con uno o due anni di anticipo. Quelli che sono celebrati e celebrati durante quest'anno e parte di quello successivo sono sforzi e risultati del precedente Consiglio di amministrazione.

Quando siamo entrati in carica nell'aprile 2016, nel club si sono svolti numerosi campionati con rilevanti successi dei nostri atleti. Gli sforzi per realizzare quei campionati sono stati fatti nel tempo di Óscar Bergasa al quale non abbiamo mai preso il merito.

In sintesi, niente di nuovo frutto della sua gestione. Ad eccezione dei rifiuti che stanno accadendo e ad esempio il fatto che quattro membri del Consiglio di amministrazione hanno partecipato a un incontro a La Palma dei circoli nautici delle Canarie. Certo, visto che non sanno come gestire … Il giorno in cui c'è un Consiglio della Federazione Vela Spagnola, i quattordici direttori dovranno andare, perché uno di loro si è già dimesso.

Altre azioni del suo e del suo team hanno offuscato la convivenza poiché gli statuti devono rispettarli, i regolamenti devono rispettarli e gli accordi delle commissioni precedenti devono rispettarli. Si è mescolato con la politica per la prima volta in 111 anni, con i manager che usano il club per farsi conoscere in politica.

Ad ogni modo, non sembra che abbiamo i partner sereni del mare con queste persone, perché quello che stanno facendo è pagare favori e voti e, presumibilmente, assumere alcune persone non qualificate per doverle ingoiare. Né sanno che questo dovrebbe per fortuna avere la previa approvazione del Consiglio Generale.

Sappi che dalla nostra lettera del 31 maggio non abbiamo avuto la minima risposta e già dice molto che un ex Consiglio di amministrazione e un ex presidente non hanno ricevuto risposta.

Fernando del Castillo. Ex presidente del Real Club Náutico de Gran Canaria


Source link

Tags
Show More
Quiere un sitio web como eso? Escribe nós

Related Articles

Check Also

Close
Close