Economía itNotizie

I conti regionali del 2020, mirati ai tagli o alle loro estensioni | economia

L'estate sta progredendo e i governi regionali si stanno innervosendo. È in queste settimane che le loro casse ricevono i trasferimenti o le consegne per conto loro corrispondenti nel sistema di finanziamento autonomo in modo che, a partire dal quarto trimestre, preparino i bilanci per il prossimo anno.

Ma quest'anno le consegne in conto Provengono dai bilanci statali effettuati nel 2018, quindi non ci sono aggiornamenti o aumenti. L'estensione dei conti statali comporta anche la mancanza di nuovi investimenti territorializzati, che allarga la ripartizione economica dell'autonomia. I tagli alle spese o l'estensione dei propri conti sono gli scenari con cui non vogliono contare ma che sono più che probabili.

"Per tutte le comunità autonome è una perdita significativa di denaro", affermano nel Ministero delle Finanze di la Junta de Extremadura. "Calcoliamo in 200 milioni di euro ciò che smettiamo di inserire a causa della mancanza di consegne in conto e della modifica del sistema dell'IVA". Nella comunità presieduta da Guillermo Fernández Vara, la situazione di blocco "influenzerà il bilancio 2020 tra l'8% e il 10%". Sui passi da seguire in questa situazione, non sono pronunciati.

Lo stesso vale in Andalusia, in cui fonti del Tesoro dichiarano che "nonostante tutte le difficoltà e le incertezze, questo governo sta già lavorando alla preparazione dei bilanci entro il 2020 ". Ovviamente, riconoscono che "l'instabilità del non avere un governo o un PGE rende difficile prevedere le entrate".

Ciò che è evidente è che in questa estate del 2019 le autonomie del regime comune cesseranno di ricevere circa 4,5 miliardi di euro nel consegne a causa del sistema di finanziamento e corrispondenti all'aggiornamento previsto nel progetto di bilancio dello Stato generale per il 2019 che è stato respinto al Congresso a causa della mancanza di sostegno parlamentare. Ciò significa che, continuando a prorogare quelli del 2018, l'importo da ricevere sarà lo stesso dell'anno scorso, 102.856 milioni di euro. Questo importo ha rappresentato il 7,2% in più rispetto a quello consegnato nel 2017. La mancanza di budget significa anche che non ci saranno nuovi investimenti. Per l'Estremadura è una caraffa di acqua fredda in ciò che "si riferisce in particolare alle infrastrutture ferroviarie della regione".

Ci sono comunità che riconoscono le "tensioni del tesoro nell'amministrazione autonoma, che è quella che fornisce i più importanti servizi pubblici : servizi sanitari, educativi e sociali e quello che paga i salari di tutti i dipendenti pubblici ”, affermano nella Xunta de Galicia. La comunità guidata da Alberto Núñez Feijóo quantifica un debito per il blocco di 700 milioni di euro, "di cui 530 milioni inclusi negli attuali budget", ed è stato il primo a lamentarsi. C'era persino un'iniziativa parlamentare per chiedere al governo centrale di pagare questo importo, votata dal PP, dal Gng ed En Marea.

In altre comunità la parola "tagli" è già venuta alla luce. Il presidente della Cantabria, Miguel Ángel Revilla, ha avvertito alcuni giorni fa che la mancanza di trasferimenti statali e investimenti per la sua regione porterà a tagli nei prossimi bilanci della Cantabria. In questa comunità 135 milioni cesseranno di entrare.

Altri presidenti regionali scelgono di chiedere responsabilità all'opposizione, come il capo dell'esecutivo asturiano, Adrián Barbón, che ha affermato che “Cittadini e noi stiamo impedendo alle Asturie di ricevere 200 milioni di euro . ”

La soluzione, oggi, è contorta. Nel Ministero delle finanze insistono sul fatto che le consegne in conto saranno aggiornate non appena sarà costituito il governo e che, come ha affermato il ministro María Jesús Montero, l'avvocato statale ha dato il via libera per essere effettuata attraverso un decreto legge Ma questo può essere fatto solo quando esiste un esecutivo efficace, non funzionante. Nel frattempo, settembre si avvicina e le consegne per conto proprio non arrivano.

Source link

Tags
Show More
Quiere un sitio web como eso? Escribe nós

Related Articles

Check Also

Close
Close