EconomiaNotizie

Stipendi: il divario continua | vista

La struttura salariale spagnola, come descritto nell'Istituto Nazionale di Statistica (INE), presenta due gravi squilibri. Gli stipendi hanno pagato i costi della riattivazione economica, ma il ritorno alla crescita non ha comportato aumenti apprezzabili per i salariati. Nel 2016 la remunerazione non è aumentata dello 0,2%; è uno dei fattori che meglio spiegano la crescente disuguaglianza in Spagna. Nell'ambito di questa generale precarietà, spicca il divario salariale tra la retribuzione di uomini e donne. Anche se è vero che questo divario è stato ridotto in sei decimi nel 2016, la verità è che le donne guadagnano il 22,3% in meno di stipendio lordo annuale rispetto agli uomini; che i salari più bassi colpiscono due donne su tre occupate e che c'è una crescente tendenza a femminilizzare i settori della produzione e dei servizi al fine di estendere i livelli salariali più bassi.

Non è sufficiente che la differenza salariale tra uomini e donne Le donne tendono a diminuire, perché lo fa con una lentezza sorprendente. Né è chiaro che questa riduzione sia una conseguenza della riuscita politica del lavoro del governo. La percezione dominante è che l'esecutivo rimane assente in questo caso e si rifugia, come in altri, nei "miglioramenti macroeconomici". Il divario salariale è un problema serio per la Spagna, perché la piena integrazione delle donne nel mercato del lavoro è il fattore che spiega il miglioramento dei parametri di reddito spagnoli con altri paesi limitrofi. Con l'Italia, senza andare oltre. È fondamentale ridurlo e sopprimerlo.

Ma non è possibile raggiungere questo obiettivo, anche a medio termine, senza un'azione coordinata da parte dell'Amministrazione. I mezzi di controllo del lavoro devono essere applicati con forza in modo che le leggi siano soddisfatte senza scuse o occultamenti. Se si accetta che la legge debba essere rispettata, sarebbe opportuno organizzare gli uffici regionali e statali per analizzare i reclami di discriminazione

Puoi seguire le opinioni di EL PAÍS in Facebook Twitter o iscriverti qui alla Newsletter .

Source link

Show More
Quiere un sitio web como eso? Escribe nós

Related Articles

Lascia un commento

Close