Non categorizzato

Munir, compleanno con lite e 16’000 Euro di conto

Un compleanno con sorpresa finale. E che sorpresa: un conto da sedicimila Euro! Munir El Haddadi non ricorderà certo la festa del suo ventitreesimo compleanno come la migliore di sempre. Il calciatore del Barcellona infatti la scorsa settimana è stato protagonista di un vero e proprio diverbio con lo staff della discoteca Tiffany, locale esclusivo situato nel quartiere Chamartín di Madrid dove è andata in scena la festa, al momento di pagare. La rabbia dell’attaccante secondo la sua versione riportata da El Mundo, sarebbe motivata da un conto praticamente raddoppiato – sedicimila Euro, appunto – rispetto al prezzo pattuito inizialmente coi titolari del locale. Solo grazie all’intervento della polizia la situazione è tornata alla normalità dopoché Munir ha accettato di pagare evitando così che il diverbio degenerasse. 

I fatti e… il conto salato

Alla festa erano presenti una trentina di invitati ed è durata circa sette ore. Al Tiffany gli amici e i famigliari del giocatore del Barça hanno consumato cibo, bevande e fumato il narghilè. Tutto per una cifra pattuita, che al momento di pagare era accresciuta a dismisura. Secondo i responsabili del locale, il motivo di tale esborso era dovuto ad un consumo eccessivo di cibo, champagne ma soprattutto di narghilè sempre rispetto a quanto pattuito inizialmente col giocatore. Gli invitati infatti avrebbero richiesto diversi narghilè, tanto da costringere il locale ad acquistarne altri da una società esterna. Queste giustificazioni non sono tuttavia bastate a sedare la rabbia di Munir, tanto da costringere lo staff di Tiffany a chiamare la polizia per risolvere la faccenda. Dopo l’arrivo degli agenti, in seguito ad alcuni minuti di negoziazione, il calciatore classe ’95 del Barça si è convinto – ovviamente controvoglia – a pagare il conto per evitare problemi e soprattutto una denuncia che l’avrebbe messo nei guai anche coi blaugrana, club che sembrava in prossimità di lasciare in estate in direzione Siviglia salvo poi rimanere. Munir si trovava a Madrid a festeggiare il compleanno perché è nato a El Escorial, comune spagnolo della comunità autonoma di Madrid, e prima di giocare al Barcellona aveva vestito le maglie di Galapagar e Rayo Majadahonda. Dopo questa spiacevole vicenda con tutta probabilità in futuro deciderà di festeggiare il compleanno da qualche altra parte. O, quanto meno, non al Tiffany.



Source link

Show More
Quiere un sitio web como eso? Escribe nós

Lascia un commento

Close